Centro Studi sulle ville e il paesaggio storico del Bolognese

logo Le ville del Bolognese costituiscono un patrimonio di grande valore architettonico e una testimonianza tangibile della cultura dell’abitare in un territorio antropizzato lungo un arco cronologico ultracentenario.
Concepite come residenze extraurbane del patriziato cittadino, esse rispondevano a svariati compiti di carattere economico e familiare, svolgendo in primo luogo funzioni di caposaldo di estese possessioni per coordinare l’attività agricola e fornire al tempo stesso ai proprietari occasioni di vita sana e di svago.
Le loro architetture hanno contribuito a modellare un paesaggio originale e ben regolato, che si estende senza soluzione di continuità tra i rilievi collinari e la bassa pianura, tra la prima fascia suburbana e il più largo contado. Sono edifici storici  spesso di straordinario pregio formale, che definiscono nuclei insediativi di piccole dimensioni, sempre più minacciati dalle tumultuose trasformazioni urbanistiche degli ultimi decenni.
Questo paesaggio, in primo luogo storico e culturale, è al centro degli interessi del Centro Ville Bolognesi, un laboratorio di ricerca promosso dal Comune di Zola Predosa in collaborazione con il Dipartimento di Architettura e Pianificazione Territoriale della Università di Bologna, che intende promuovere e sviluppare studi originali e dettagliati sul patrimonio delle residenze di villa del Bolognese, nell’intento di approfondirne e diffonderne la conoscenza, oltre a preservarne i valori architettonici e ambientali.
Gli obiettivi del Centro Studi possono essere riassunti dalle seguenti azioni operative:
1. Promozione della ricerca sulle ville del territorio provinciale (analisi del patrimonio edilizio rurale delle famiglie del patriziato bolognese tra XV e XIX sec., studio dei progetti architettonici elaborati nel corso di una vicenda ultracentenaria, individuazione dell’insediamento storico e sua mappatura, catalogazione del patrimonio esistente delle ville).
2. Creazione di una banca dati di immagini digitali delle ville del territorio (fotografie, video  e rilievi architettonici anche sotto forma di semplici eidotipi).
3. Realizzazione di modelli digitali tridimensionali di architetture di villa e di contesti insediativi più vasti, da impiegarsi anche per per finalità didattiche.
4. Realizzazione di un sito web per la gestione on line del patrimonio di informazioni storiche, fotografiche e video del Centro.
5. Creazione di una anagrafe delle ville del territorio provinciale esistenti individuando la rete dei proprietari e le coordinate topografiche degli edifici, per creare un indirizzario allo scopo di stabilire rapporti nel quadro di iniziative di valorizzazione culturale e ambientale.
6. Sviluppo di itinerari di visita alle ville della provincia per aree territorialmente omogenee o secondo coerenti percorsi tematici (ad es. cronologici, tipologici, ambientali).
7. Promozione di una efficiente rete di eventi culturali che ruotino attorno al tema della villa (mostre, conferenze a tema, convegni, presentazione di libri, sostegno culturale a iniziative editoriali, ecc.) e avvio di workshops sul tema delle ville (ad esempio di fotografia, di rilievo architettonico, di studio delle decorazioni di interni, ma anche su temi legati allo studio del paesaggio agrario, ecc.) da organizzare anche sotto forma di Summer Schools in collaborazione con UNIBO o attraverso altre iniziative didattiche mirate.

Sito in costruzione

Pagina creata Giovedì 22 Novembre 2012 at 4:19 pm.